Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Agenzia Ice, andamento delle esportazioni della regione liguria nel 2015 e nei primi mesi del 2016

Negli USA, terzo paese di sbocco dell’export regionale, le vendite sono cresciute del 43,4%

Più informazioni su

Liguria. Dal Rapporto annuale sul commercio estero “L’Italia nell’economia internazionale 2015-2016” dell’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, giunto quest’anno alla 30° edizione, emerge che nel 2015 le esportazioni italiane di merci hanno continuato a crescere ad un ritmo sostenuto (3,8%).

La crescita è stata leggermente più forte nel mercato europeo (3,9%) che nei paesi extra UE (3,6%), anche quest’anno trainati da Nord America, Asia centrale e Medio Oriente. Nonostante l’andamento positivo, la quota delle esportazioni italiane sul totale mondiale si è mantenuta costante al 2,8%. Parallelamente, è proseguita anche la crescita delle importazioni (+3,3%).

Nei primi tre mesi del 2016, invece, si è registrata una lieve flessione (-0,4%) delle esportazioni, rispetto allo stesso periodo del 2015, dovuta alla forte riduzione dei flussi verso i paesi extra UE (-5,2%), non compensata dal positivo andamento sul mercato comunitario (+3,5%). Nello stesso periodo, anche le importazioni sono diminuite, ma ad un tasso più elevato (-2,2%).

Nel 2015 i conti con l’estero dell’Italia sono migliorati per il quarto anno consecutivo. Il surplus corrente della bilancia dei pagamenti ha registrato un nuovo ampliamento, raggiungendo il 2,2% del Pil, per effetto soprattutto del miglioramento nelle ragioni di scambio dovuto al calo dei prezzi delle materie prime.

Il numero degli esportatori italiani ha continuato a crescere, raggiungendo un nuovo massimo pari a 214.000 operatori. Sono saliti anche il valore medio delle esportazioni per impresa e il grado di penetrazione delle importazioni.

In questo contesto, le esportazioni della Liguria nel 2015 si sono ridotte del 4,2%, registrando un andamento in controtendenza con la crescita media nazionale del 3,8%. Allo stesso modo la quota sul totale delle esportazioni nazionali è diminuita, passando dall’1,8% del 2014 all’1,7% del 2015. Anche per quanto riguarda le importazioni si è registrato un calo, in questo caso più ampio, e pari al 7%.

Con riferimento ai principali mercati di sbocco, le esportazioni della Liguria nel 2015 hanno vissuto andamenti piuttosto eterogenei. I flussi verso l’Unione Europea, area che pesa per il 43,9% sul totale della regione, sono cresciuti del 9,2%; in particolare nel primo paese di destinazione, la Francia, si è registrato un calo dell’1,1%, mentre tra i principali mercati UE si segnalano andamenti postivi in Germania (+8%) e Spagna (+16,6%).

Nel mercato statunitense, terzo paese di sbocco, le vendite sono cresciute del 43,4%. Inoltre altre due importanti aree di sbocco per la Liguria, dove in ciascuna sono dirette circa un decimo delle vendite della regione, sono l’Africa settentrionale (dove si è registrato un calo delle esportazioni del 42,1%) e il Medio Oriente (+29%).

Dall’analisi dei principali settori, si evidenzia che nel 2015 le esportazioni della Liguria di macchinari e apparecchiature sono diminuite del 9,3%, quelle di coke e prodotti raffinati del petrolio del 6%, mentre sono aumentate le vendite estere di prodotti chimici (+6,7%).

Dal lato dei servizi, la Liguria ha registrato un incremento delle vendite del 16,4% raggiungendo il valore di 2.291 milioni di euro di servizi esportati nel 2015, che rappresentano una quota del 3,2% sul totale delle regioni italiane.
Nel 2015 gli operatori all’esportazione della regione sono 5.076 unità, con un valore medio esportato per operatore di 1,34 milioni di euro.

Nel primo trimestre del 2016, la Liguria ha registrato cali sia dal lato delle esportazioni (-12,3% rispetto allo stesso periodo del 2015) sia delle importazioni (-11,1%). In particolare, nei primi tre mesi del 2016 continuano a registrare una diminuzione le esportazioni della regione di macchinari e apparecchiature (-28,9%) e di coke e prodotti raffinati del petrolio (-27,3%), mentre sono aumentate le vendite estere di prodotti chimici (+2,7%).

LIGURIA DATI DI INTERSCAMBIO IN SERIE STORICA

LIGURIA DETTAGLIO PROVINCIALE DELL’INTERSCAMBIO 2015

LIGURIA DETTAGLIO PROVINCIALE DELL’INTERSCAMBIO PRIMI 3 MESI 2016

LIGURIA SCAMBI PER SETTORE 2015

LIGURIA SCAMBI PER SETTORE PRIMI 3 MESI 2016

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.