Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Affitto truffa a Riccione, nei guai giovane sanremese

Secondo le prime risultanze d’indagine dei carabinieri di Luzzara con lo stesso modus operandi l’odierno indagato ha raggirato altri aspiranti turisti

Più informazioni su

Luzzara (Reggio Emilia). Aveva trovato l’occasione, almeno così pensava: un’ampia abitazione da condividere con gli amici in estate a Riccione, nella riviera romagnola, al prezzo di 1.300 euro per una settimana. Un affare, vista la data di prenotazione in alta stagione. E così un 22enne di Luzzara, dopo aver contatto l’inserzionista telefonicamente ed aver ricevuto le foto dell’appartamento, rassicurato sulla reale fattibilità dell’affitto ha versato al locatore il 50% del canone d’affitto pattuito ovvero 650 euro che ha accreditato sull’iban fornitogli.

Con l’approssimarsi della partenza non riuscendo a contattare l’inserzionista, è andato a Riccione accertando l’effettiva presenza dell’immobile corrispondente a quello delle foto che aveva ricevuto via mail accertando tuttavia che nell’appartamento era di proprietà di una famiglia che vi abitava estranea alla trattativa di affitto. Quando ha capito di essere stato truffato al ragazzo non è rimasto altro da fare che sporgere denuncia.
Le indagini dei carabinieri si sono spostate sulla riviera ligure di ponente dato che l’utenza telefonica utilizzata per portare avanti la trattativa d’affitto da parte dell’inserzionista era intestata ad un ragazzo di Sanremo così come il conto a cui era associato l’iban dove il giovane reggiano aveva versato la caparra di 650 euro ignaro di essere incappato in una truffa.

I riscontri tra gli accertamenti sull’utenza cellulare, il conto su cui è confluito l’ammontare della caparra e le indagini telematiche sul sito dove l’annuncio trappola era stato pubblicato, hanno portato a un 20enne di Sanremo che è stato denunciato per truffa. Secondo le prime risultanze d’indagine dei carabinieri di Luzzara con lo stesso modus operandi l’odierno indagato ha raggirato, sempre nell’estate di quest’anno, altri aspiranti turisti residenti in altre province italiane a cui ha proposto nella riviera romagnola e nel Salento.
Per i truffati l’amarezza di non aver potuto fare le ferie e la speranza, grazie alle risultanze investigative dei carabinieri, di poter ottenere in sede processuale il giusto risarcimento.

articolo di http://www.reggiosera.it/

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.