Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Sgravi contributivi e cessione del contratto

Torna l'approfondimento del Dott. Fabio Martini, Consulente del Lavoro

Più informazioni su

Domanda:

Una ditta individuale A che ha assunto una dipendente a tempo indeterminato con con sgravio contributivo biennale, viene ceduta all’azienda “B”, pertanto tutti i rapporti di lavoro verranno cessati in data 31.05.2016. Il vecchio titolare della ditta A vorrebbe mantenere però il rapporto di lavoro con la dipendente citata sull’azienda “C” aperta recentemente in forma societaria. Chiediamo pertanto se e possibile mantenere tutte le agevolazioni ottenute sull’azienda “A” e portarle sull’azienda “C” anche sotto forma di cessione di contratto.

Risposta:

A proposito di esonero contributivo biennale previsto dall’art. 1 commi 178 e segg. della legge 208/2015, l’INPS con la circolare n. 57 del 29/03/2016 ha precisato che nelle ipotesi di cessione del contratto a tempo indeterminato ex art. 1406 c.c. con passaggio del dipendente al cessionario, la fruizione del beneficio, già riconosciuto al datore di lavoro cedente, può essere trasferita al subentrante per il periodo residuo non goduto, in quanto in tal caso si verifica la sola modificazione soggettiva del rapporto già in atto che prosegue con il datore di lavoro cessionario.

Stessa cosa vale nei confronti del cessionario per il periodo residuo non goduto dal cedente in virtù di quanto disposto dall’art. 2112 c.c., secondo il quale, in caso di trasferimento di azienda, il rapporto di lavoro prosegue con il cessionario ed il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano.

Non viene riconosciuta la continuità nell’usufruire dell’esonero, nel caso vi sia una assunzione di lavoratori licenziati, nei sei mesi precedenti, da parte di un datore di lavoro che, alla data del licenziamento, presentava elementi di relazione con il datore di lavoro che assume, sotto il profilo della sostanziale coincidenza degli assetti proprietari ovvero della sussistenza di rapporti di controllo o collegamento.

Pertanto nel caso prospettato, per l’ex dipendente dell’azienda “A” cessata assunta con contratto di lavoro a tempo indeterminato per poter usufruire dei benefici contributivi, nel caso di riassunzione da parte della neocostituita azienda “B” non sarà possibile mantenere l’esonero contributivo biennale, a meno che non si configuri una cessione del contratto oppure una operazione straordinaria come sopra evidenziato.

Dott. Fabio Martini – Consulente del Lavoro

Amministrazione del Personale, Organizzazione del Lavoro e Gestione Risorse Umane

Via A. Volta 14/9 – 18038 SANREMO (IM)

Tel. +39 32 87 45 39 71 – Fax +39 01 84 19 55 979

fabio.martini@fabiomartiniconsulting.it

f.martini@consulentidellavoropec.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.