Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Sanremo, le parole di un lavoratore della cooperativa Il Solco

Insieme al Cammino ha gestito la manutenzione delle aree verdi di Sanremo sino al 30 giugno

Sanremo. Un lavoratore della cooperativa Il Solco che insieme al Cammino ha gestito la manutenzione delle aree verdi di Sanremo sino al 30 giugno scrive:

“Le scrivo anche a nome dei miei colleghi perché dopo che il Comune di Sanremo ha appaltato a due ditte locali per il mese di luglio il servizio che abbiamo svolto noi, è bene che tutti sappiano che in 25 siamo rimasti a casa a zero ore.

Con questa mia lettera voglio esprimere tutto il mio dispiacere e il mio disappunto sul comportamento dell’Amministrazione comunale che ha permesso tutto questo.

In particolare sono deluso dal signor Sindaco che ricevendo una nostra delegazione di lavoratori, alla fine del mese di marzo, aveva promesso che si sarebbe impegnato per tutelarci e per evitare che venissero fatte delle procedure che avrebbero potuto mettere a rischio il nostro posto di lavoro.

Non mi interessa tutto lo scambio di accuse che ho letto in questi giorni, mi interessa solo che ora sono a casa e che non lavoro e ancora non ho capito il perché !!

Perché, visto che il Cammino ha fatto la migliore offerta, non abbiamo potuto continuare il servizio in attesa che si incominciasse il nuovo appalto ?

Perché non abbiamo potuto andare avanti a lavorare cosi come abbiamo fatto a dicembre e poi ad aprile ?

L’Amministrazione da una parte dice che non si poteva e i Sindacati, dall’altra parte, dicono che invece si sarebbe potuto benissimo continuare.

Ora però, al di là di tante parole, l’unica realtà che conta è che noi siamo tutti a casa e non sappiamo ancora per quanto. Si dice un mese, forse due.

Ma la cosa più grave, che non mi fa dormire la notte, e che mi hanno spiegato che ora stanno controllando l’offerta del CAMMINO e che se non dovesse essere valida, noi lavoratori, proprio perché siamo rimasti a casa per un mese e forse due, proprio per questa pausa lavorativa, non avremmo il diritto di essere riassorbiti dalla ditta vincitrice.

Dunque oltre al danno anche la beffa, e che razza di beffa, sarebbe una tragedia !!

Insomma tutto quello che era stato impedito nel mese di Marzo grazie all’intervento del Sindaco, quando già c’era il rischio che ci saremmo dovuti fermare, è stato concesso ora !!

In tutto questo, vorrei sapere qual è stata ora la posizione del Sindaco. Vorrei sapere se è stato informato di tutto questo.

E se è stato informato vorrei sapere che cosa ha fatto per impedire che ciò avvenisse come aveva promesso ? O forse si trattava di una promessa a tempo determinato ? E se non è stato informato allora vorrei sapere perché gli Uffici comunali hanno fatto qualcosa che ci può danneggiare andando contro quello che lui aveva promesso pubblicamente ?

So che a tutte queste domande nessuno mi e ci risponderà.

Spero di aver esposto con chiarezza i motivi della mia delusione oltreché della convinzione mia e di tutti i miei colleghi che il Sig. Sindaco, il quale solo pochi mesi fa ci assicurò tutto il suo sostegno e la sua comprensione, si sia proprio dimenticato di 25 lavoratori di Sanremo che in questi anni hanno fatto il loro dovere, con difficoltà e tanti limiti, per mantenere in ordine il verde di questa bella città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.