Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Sanremo, il disappunto di CGIL FP e UILFPL sull’affidamento del verde pubblico

CGIL FP e UIL FPL procederanno chiedendo l’incontro davanti all’Illustrissimo Signor Prefetto e attivando presidi di protesta davanti alla Sede del Comune di Sanremo

Sanremo. CGIL FP e UILFPL vogliono mostrare il loro disappunto in merito alla vicenda dell’affidamento del verde pubblico nel Comune di Sanremo.

“Ci domandiamo se, nel bel mezzo di tutta questa vicenda che vorremmo definire burocratica, coloro che hanno bloccato la proroga si siano minimamente resi conto del rischio al quale esponevano i 25 Lavoratori della Cooperativa che ad oggi già lavoravano in quell’appalto.

Come più volte dichiarato per altre vicende, riteniamo che i lavoratori delle Cooperative debbano essere trattati in egual modo di tutti gli altri lavoratori e che sia immorale che un Ente Locale non attivi nessun tavolo con le parti sociali per verificare le opportunità di salvaguardia degli stessi.

Siamo a conoscenza che, altre Cooperative in opera su altri servizi dati in affidamento dal Comune di Sanremo,sono ormai da tempo in proroga di appalto proprio per dare una continuità consona al servizio da erogare e al personale impiegato.

Non riusciamo quindi a comprendere il motivo per cui lo stesso atteggiamento, non sia stato adottato anche in questo contesto, costituendo una sorta di salvaguardia del servizio reso all’utenza e del posto di lavoro dei dipendenti interessati.

Vorremmo comprendere se il Comune di Sanremo si sia minimamente preoccupato di verificare se,
la Cooperativa poteva essere interessata alla proroga esistendone secondo noi le prerogative a norma di legge.

Leggiamo in un articolo pubblicato sui giornali locali,che il Responsabile del servizio Verde Pubblico del Comune di Sanremo, asserisce di aver dovuto affidare con urgenza a due ditte locali la manutenzione del verde, diversamente la mancata manutenzione ordinaria avrebbe comportato un grave e permanente danno al patrimonio vegetale,con conseguenze negative sulle fioriture già nelle 48 ore,ci sarebbe piaciuto che la stessa considerazione fosse stata fatta anche sulle risorse umane impiegate,e che qualcuno si fosse preoccupato di pensare a quale sarebbe stato il danno inflitto a 25 famiglie che sarebbero rimaste di colpo senza sostegno economico.

Nello stesso articolo si parla di risparmio sull’appalto,vorremmo precisare che non potremmo mai condividere un risparmio fatto su chi vive del proprio lavoro, e ci rifiutiamo di pensare che un mese di risparmi possa aver potuto far fare scelte poco consone al Responsabile stesso.

Teniamo a precisare che in caso di non riaffidamento alla stessa Cooperativa,che risulta oltretutto essere vincitrice con altri soggetti dell’appalto,il vuoto creato comporterebbe l’annullamento della salvaguardia di riassorbimento di tutto il personale e ciò potrebbe significare che nessuno dei venticinque lavoratori venisse neanche in futuro in qualche modo ricollocato.

Chiediamo pubblicamente che il Comune riveda tutta questa vicenda nella tutela dei lavoratori, intendendo che diversamente, CGIL FP e UIL FPL procederanno con la dichiarazione di uno stato di agitazione del personale chiedendo l’incontro davanti all’Illustrissimo Signor Prefetto e attivando di conseguenza presidi di protesta davanti alla Sede del Comune di Sanremo” - affermano Tiziano Tomatis del CGIL FP e Milena Speranza di UIL FPL.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.