Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Ritorna “Bravo Jazz”, quattro appuntamenti tra ritmi e contaminazioni nel centro storico di Sanremo foto

Terza edizione per il prologo di Rock in the Casbah

Sanremo. Dopo il successo delle passate edizioni, per il terzo anno consecutivo sarà ancora la rassegna “Bravo Jazz” ad anticipare la ricca kermesse di “Rock in the casbah 2016″, con un programma ancor più ricco, da mercoledì 27 a sabato 30 luglio, nella cornice caratteristica dell’anfiteatro San Costanzo, nel quartiere storico della Pigna di Sanremo.

La manifestazione, fortemente voluta dai promotori e giunta quest’anno alla terza edizione, è a cura dell’Associazione Fare Musica, con la direzione artistica di Enzo Cioffi e Angelo Giacobbe ed il contributo del Comune di Sanremo – Assessorato alla Cultura e Turismo.

Quattro serate di musica live, quattro appuntamenti dedicati al jazz e alle sue diramazioni più varie ed attuali: ci sarà spazio per affermate proposte e la presentazione di dischi inediti, ma anche per il nuovo cantautorato, influenze mediterranee e sudamericane, divagazioni elettroniche e soul.

Il calendario eterogeneo, e all’insegna delle contaminazioni, vedrà esibirsi un cast artistico di rilievo, nazionale ed internazionale.
Si comincia mercoledì 27 luglio, con uno start dedicato alle eccellenze sanremesi: ad aprire la rassegna, Freddy Colt & his Red Cat’s Swing Kids, il nuovissimo progetto che coinvolge le migliori giovani promesse del jazz ligure guidate dall’ominimo maestro, per un omaggio in stile anni ’30 a tutta la gloriosa swing era e al mito del blues americano.

A seguire, l’ Andrea Bazzicalupo Great Debaters Quartet, con un brillante mix di tradizione jazz, forme più contemporanee e libere improvvisazioni collettive.

Si prosegue giovedì 28 luglio per una seconda serata all’insegna della voce nel jazz e della presentazione di nuove uscite discografiche: sarà la volta di Tiziana Cappellino e Gigi Di Gregorio, duo torinese piano-voce e sax, e dell’ Um A Zero Trio, gruppo attivo sulle scene da ormai dieci anni guidato dalla cantante italo-brasiliana Valbilene Coutinho, che presenterà il suo ultimo lavoro “Ja’ pode acabar”, esempio riuscito di contaminazione tra jazz e calde atmosfere sudamericane.

Sperimentazioni inedite e attualissime trovaranno spazio nel terzo appuntamento, tutto da ballare, di venerdì 29 luglio. L’esplosivo duo Bolla meets Giulietta Passera, nato dall’incontro tra il contrabbassista milanese e la talentuosa cantante, già voce della Sweet life Society, spingeranno il jazz verso nuove frontiere groove e dance-floor, con il loro sound tra swing, jazz e hip hop.

La serata continua con il poliedrico cantautore torinese, Didie Caria che porterà sul palco di San Costanzo il suo ultimo progetto “Primo tempo”, disco in forte ascesa, con uno stile musicale che spazia tra influenze jazz, etniche e soul.

Gran finale, sabato 30 luglio, tutto dedicato al jazz internazionale, con il concerto del Philippe Petrucciani Quartet, guidato dal celebre chitarrista italo-francese, accompagnato da Alessandro Collina al pianoforte, Mauro Battisti al contrabbasso e Rodolfo Cervetto alla batteria. Quattro esperienze, quattro talenti unici, si incontrano in un unico viaggio tra suoni e ritmi provenienti da culture di tutto il mondo, per uno show indimenticabile.

Novità assoluta di quest’anno infine, domenica 31 luglio, serata speciale Bravo Radio, inedito appuntamento di musica, parole e divertimento, aspettando “Rock in the Casbah”, con Simone Parisi, Pietro Zampedroni e la partecipazione straordinaria di Awanagana, noto conduttore radiofonico, artista e cantante.

L’evento è in collaborazione con Alex Cosentino de “La Moscabianca”. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero, con inizio h 21.30.

Un fornito servizio bar, organizzato da “Fare Musica”, sarà attivo in tutte le sere della manifestazione.

A seguire, le biografie dei gruppi ed il programma completo.

Mercoledì 27 luglio
FREDDY COLT & HIS RED CAT’S SWING KIDS
Freddy Colt, noto anche come «il Sultano dello Swing», presenta per la stagione estiva 2016 un nuovo progetto orchestrale nel quale ha voluto coinvolgere i più promettenti giovani musicisti jazz del Ponente ligure con l’apporto di qualche solista affermato. Una vera jazz band stile anni ’30 per interpretare un repertorio che spazia dagli albori della musica afro-americana (blues, dixieland) ai primi sentori del Bebop, attraversando ovviamente tutta la gloriosa swing era.

Insieme ad alcuni classici americani come “The Jumpin’ Jive” di Cab Calloway o “Moonlight Serenade” di Glenn Miller, l’orchestra degli Swing Kids ripropone composizioni di autori italiani dell’immediato dopoguerra come Pippo Barzizza, Gorni Kramer, Enzo Ceragioli, Lelio Luttazzi, tra i primi ad aver fatto proprio il linguaggio orchestrale del jazz. L’orchestra “Red Cat’s Swing Kids” nel suo spettacolo musicale fa rivivere con entusiasmo e ricerca del suono “il mito dell’America” fatto di ritmi travolgenti – Charleston e Shimmy -, melodie immortali, suggestioni sonore ricreate con gli ottoni, i saxes, gli strumenti a corde e quelli ritmici: musica d’epoca, in abito da sera, interpretata da ragazzi dello swing in età compresa tra i 18 e i 28 anni.

ANDREA BAZZICALUPO GREAT DEBATERS QUARTET
Coesione, immaginazione, colore … sono alcuni tratti autentici che rappresentano l’essenza di questo progetto.
Great Debaters è un quartetto creato all’inizio del 2015 su iniziativa del chitarrista e compositore, originario di Sanremo, Andrea Bazzicalupo. La musica presentata da questa formazione è concepita sulla base delle composizioni originali del suo leader e si nutre di molteplici influenze, unendo brillantemente la grande tradizione jazz con tinte, forme più contemporanee e con libere improvvisazioni collettive. Nonostante la varietà del materiale, il gruppo si dimostra capace di ottenere un proprio suono, sincero e coerente, fondendo lirismo con complessità, e liberando infine un’atmosfera allo stesso tempo genuina ed intensa, talvolta con un pizzico di humour o una nota d’ardore nella mistura. In conclusione, Great Debaters interpreta una musica aperta, in una performance dove le composizioni si sviluppano lungo un percorso parzialmente definito, con un coinvolgimento assoluto dei musicisti nel trovare il proprio spazio creativo ed assieme alimentare un dialogo profondo e costante tra di loro, cosi come con il pubblico. Il primo Album si intitolerà Mattoni ed è previsto in uscita a settembre.Suonano con Andrea Bazzicalupo, Jean-Marc Baccarini (sassofoni) Pierre Marcus (contrabbasso), Jérôme Achat (batteria).

Giovedì 28 luglio
TIZIANA CAPPELLINO E GIGI DI GREGORIO DUO
Tiziana Cappellino (pianoforte e voce) e Gigi Di Gregorio (sax tenore e soprano) presentano alla Pigna il proprio progetto “Colors in Mainstream”. Il loro repertorio prevede composizioni originali, ma soprattutto, è un omaggio ai grandi e indimenticabili compositori che hanno fatto la storia del Jazz. Un notevole interplay del duo ed una evidente sensibilità musicale sono le considerazioni della critica specializzata. Questo lavoro ha aperto al duo Cappellino/Di Gregorio , già conosciuti singolarmente, una nuova strada musicale attraverso importanti esibizioni nei Jazz Club italiani e in numerosi festival internazionali.

Tiziana Cappellino. Laureata in jazz al Conservatorio “G. Verdi” di Torino ha studiato con Furio di Castri, Giampaolo Casati, Aldo Rindone Emanuele Cisi e Dado Moroni.Tra i workshop: Siena Jazz, Dick Halligan, Barry Harris, Dave Liebman, Parco Stickney, Cleveland Watkiss, Liane Carroll, Harold Danko, Wally Salio. Dal 2009 ha suonato con musicisti professionisti in l’Italia e in Europa. Insegna presso la Scuola Comunale di Musica “P. Canonica” di Moncalieri e l’ Isituto Arcote di Torino.

Gigi Di Gregorio. Ha partecipato a kermesse, rassegne e jazz festival internazionali, tra cui Music China a Shanghai, l’ Eurojazz di Ivrea, Jazz Festival Borja, Spagna, Monaco Jazz Chorus, Jazz Italiano a Antibes, Mercedes Jazz Festival, Ventimiglia Jazz’06, il Due Laghi Jazz Festival di Avigliana, Moncalieri Jazz Notte Nera, Monte Carlo Jazz Festival, Mosca musica Kermesse, Jazz festival di Torino e molti altri. E’ endorser Sassofoni Lupifaro Phaselus ed ha suonato in Big Band che hanno ospitato musicisti come Lee Konitz, Enrico Rava, Gianni Basso.
Collabora stabilmente con Harold Danko con cui ha esordito con il Live al JCT 2013: l’ album è stato segnalato al Ballots Jazz Pool Usa del 2013.

UM A ZERO TRIO
ll trio Um a Zero è sulla scena musicale da diversi anni.
Nel suo fertile percorso ha partecipato ad importanti rassegne di musica jazz ed etnica tra Liguria, Piemonte e vicina Francia. Inoltre al suo attivo annovera numerose esibizioni in contesti di rilievo quali alberghi prestigiosi, convention e teatri.

Il repertorio propone una personalissima interpretazione delle più conosciute canzoni della musica brasiliana. Prendono così vita successi di Jobim, Gilberto, Veloso grazie alla vocalist madre lingua Valbilene Coutinho ed alla sensibilità di due esperti musicisti come Riccardo Anfosso (chitarra e loop station) ed Enzo Cioffi (batteria e percussioni), si materializzano attraverso uno spettacolo coinvolgente adatto a qualsiasi location e pubblico di ogni età.

E’ di recente pubblicazione il loro primo Cd dal titolo “Jà Pode Acabar” – prodotto da Alfamusic- che riproduce fedelmente il mood dello spettacolo dal vivo. Proprio alla presentazione del cd è dedicata l’esibizione della Pigna che verrà impreziosita dalla presenza degli altri protagonisti della serata ovvero Tiziana Cappellino e Gigi Di Gregorio.

Venerdì 29 luglio
BOLLA MEETS GIULIETTA PASSERA
Bolla, contrabbassista, compositore e produttore, fondatore e leader del Bolla Trio con un disco uscito il 21 marzo, presenta il suo nuovo progetto affiancato da Giulietta Passera, cantante torinese della Sweet Life Society, Zip Coed e Mangaboo.
Voce soul caldissima e flow incalzante, mescola jazz soul e hip hop accompagnata da Bolla al contrabbasso per un intenso live all’insegna del groove e del minimalismo. Il repertorio prevede inediti e incursioni di free style.

Bolla. Con una laurea a pieni voti in Filosofia, un diploma in contrabbasso alla Civica di Jazz di Milano, un’esperienza affermata nel campo della produzione di musica elettronica e un nome già noto nel settore della musica live, in Italia e all’estero,Bolla spinge il jazz verso nuove frontiere. Concepisce un sound contemporaneo, suadente, che chiama il movimento e il groove, trasportando con creatività visionaria in una dimensione da jazz-dance-floor.La fama che precede il personaggio di Bolla, da una vita sui palchi con artisti di tutto il mondo, è confermata dalle collaborazioni che distinguono il suo primo disco “SO FAT” e avvalorano l’esordio discografico, tanto istintivo nell’esecuzione quanto maturo tecnicamente.

Giulietta Passera. Nasce pianista classica, diventa cantante jazz e dal 2010 scopre il forte potere comunicativo della musica elettronica.
Dal 2011 al 2014 la big band electroswing The Sweet Life Society la porta alla prima tournèe europea, calcando i palchi di importanti festival UK (Glastonbury, Boomtown, Bestival, Love Box,Wilderness e Latitude, Big Chill Londra) ed europei (European Jazz Expo, Make it Burn Bruxelles, Felsziget Peninsula Cluj Napcoa) e storici club come La Java di Parigi, il Village Underground di Londra, la Sala Apolo di Barcellona e Astra di Berlino. Il 2015 inizia con un palco importante, l’ Eurosonic Noorderslag in Olanda – e prosegue con un progetto nuovo, “Mangaboo”, in collaborazione con il produttore di Motel Connection Francesco Pistoi. Il 2016 vede in programma un fitto tour di concerti – fra cui la partecipazione al Glastonbury condividendo un palco importante con Mark Ronson e Time Impala -, uno spettacolo teatrale, la prossima pubblicazione di un nuovo album con The Sweet Life Society, l’esordio di Mangaboo sul mercato europeo, la collaborazione al disco So Fat del Bolla Trio, la direzione artistica dell’ affascinante rassegna Frank presso il Circolo della Stampa di Torino e di “Paesaggi musicali” nello scenario delle Langhe.

DIDIE CARIA
Didie Caria presenta insieme a due musicisti di grande valore – Mattia Bonifacino al basso e Alessio Sanfilippo alla batteria – il proprio progetto intitolato Primo Tempo.L’album Primo Tempo è stato realizzato grazie a un’operazione di social crowdfunding che ha consentito di superare 10mila euro di contributi a vario titolo versati da estimatori e sostenitori e subito ha ottenuto attenzioni molto speciali da addetti ai lavori e pubblico.

Il primo singolo “The Prince” è stato selezionato da Mtvbrand new come videoclip e artista del mese e trasmesso dai loro canali per 2 mesi anche nella rassegna Best of Mtv New Generation.

Didie Caria ha sviluppato la sua formazione vocale nel mondo della musica gospel in cui ha lavorato per più di 12 anni in varie tournéè che l’hanno portato in giro per il mondo con il rev. Lee Brown. Successivamente ha iniziato a studiare diverse forme artistiche dal musical, alla danta butoh, alla recitazione. Ha scritto tre spettacoli teatrali per lo Stabile di Torino e di Vicenza ed è stato in tour con Anita Caprioli in una riscrittura dell’Antigone.

Sabato 30 luglio
PHILIPPE PETRUCCIANI QUARTET
E’ una storia narrata grazie ad anni di intensa collaborazione tra Philippe Petrucciani (chitarra), Alessandro Collina (pianoforte) e Rodolfo Cervetto (batteria). Il gruppo nasce con l’intento di raccontare e raccontarsi, delineare un suono ed un intesa che duri nel tempo. L’apice della maturazione e quindi del successo di questo progetto, i cui brani sono stati scritti da Philippe e da suo fratello Michel, avviene con l’arrivo nel gruppo di uno tra i più interessanti bassisti della scena italiana: Mauro Battisti.

Il suono quindi assume una connotazione decisamente più camaleontica che permette alle singole e differenti personalità dei quattro musicisti di fondersi in un magico viaggio tra suoni e ritmi provenienti da culture di tutto il mondo.

Philippe Petrucciani. Inizia lo studio della chitarra con il padre (Tony Petrucciani, noto chitarrista jazz). Successivamente comincia a suonare Jazz con i suoi due fratelli Louis (contrabbasso) e Michel (pianoforte), sotto la guida del padre e l’ascolto di musicisti come Wes Montgomery, Bill Evans, Tal Farlow, Barney Kessel. Nel corso di un primo viaggio negli Stati Uniti per la sua formazione, ha la possibilità di fare un duo a Philadelphia con suo fratello Michel, l’esperienza si ripete pochi anni più tardi presso l’Olympia, a Parigi. Poco dopo forma il suo primo gruppo per interpretare le sue composizioni e collabora con musicisti come Marc Mazzillo, Bernard Santacruz, Johann Sebastian Simonov, Daniel Solia, Frédéric Monino, Francois Quillet, Dominique Di Piazza, Victor Jones, Andre Franco, Bachevalier Michel, Alain Couffignal, Jean Pierre Barreda, Francesco Castellani, Nathalie Blanc. Suona in Israele e in Italia con i suoi due fratelli Louis e Michel e in seguito collabora con André Villegier, Michel Zenino, Tommy Halferty, Jean Pierre Llabador, Michel Barrot, Philippe festoù, Andy McKee, Manhua Roche, Aldo Mela, Mario Stantchev, Girolamo Riguardo, Yannick House, Marc Verne, Bernard Margarit, Roger Nikittof, Martine Kamoun, Philippe Roche, José Caparos, Jef Gjlson, Benoit Paillard, Gerard Guerin, Philippe Levan, Eddy Gaulein, Stef, Frederic Mennillo.

BRAVO JAZZ 2016
III EDIZIONE

Inizio spettacoli h 21.30 – Ingresso libero

Mercoledì 27 luglio

” Il Jazz di Sanremo”

FREDDY COLT & HIS RC’S SWING KIDS

ANDREA BAZZICALUPO GREAT DEBATERS QUARTET

Giovedì 28 luglio

“La voce nel jazz”

TIZIANA CAPPELLINO E GIGI DI GREGORIO DUO

TRIO UM A ZERO

special guest Tiziana Cappellino e Gigi Di Gregorio

Venerdì 29 luglio

” Contaminazioni”

BOLLA MEETS GIULIETTA PASSERA

DIDIE CARIA

Sabato 30 luglio

“Il Jazz internazionale”

PHILIPPE PETRUCCIANI QUARTET

___________________________________________

Domenica 31 luglio

Serata speciale

BRAVO RADIO

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.