Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

La Polizia di Stato arresta un pregiudicato marocchino

Un altro latitante assicurato alla giustizia dalla Squadra Volante

Imperia. A soli due giorni dall’arresto di un pregiudicato di calibro internazionale, ieri, 28 luglio, la Questura di Imperia ha tratto in arresto A.K., cittadino marocchino, classe ’79, al termine di un inseguimento per le vie del centro.

La Volante, infatti, impiegata, da alcuni giorni, in un servizio continuativo e dedicato di vigilanza in alcune vie del Centro di Oneglia, segnalate dai cittadini come luogo di bivacco di extracomunitari, veniva attirata dal comportamento di un soggetto che, da Vico Costanzo, si stava repentinamente allontanando alla vista della Pattuglia.

Gli Agenti, scesi dell’abitacolo, iniziavano a seguire l’uomo che, resosi conto del pedinamento, si dava repentinamente alla fuga.

Dopo pochi metri veniva raggiunto dai Poliziotti che, appurata la sua identità, lo conducevano negli uffici della Questura.

Sottoposto alle procedure di fotosegnalamento, a carico del cittadino marocchino emergeva un ordine di cattura emesso dal Tribunale di Vercelli e datato febbraio 2016.

Spaccio di sostanza stupefacente, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, tutti aggravati dalla continuazione: questi i reati accertati e contestati al cittadino extracomunitario con sentenze passate in giudicato.

Da allora l’uomo si era reso irreperibile e dunque latitante.

Prima di essere associato alla Casa Circondariale di Imperia, il Questore, Dr. Leopoldo Laricchia, emetteva il decreto di rifiuto di rinnovo del permesso di soggiorno, subito notificato all’interessato.

Al termine della detenzione in carcere, pertanto, fissata dalla Autorità Giudiziaria di Vercelli in sei mesi, l’uomo sarà espulso dal territorio nazionale e rimpatriato in Marocco.

L’arresto, compiuto dalla Squadra Volante, conferma l’operato della Questura di Imperia, quotidianamente impegnata nel controllo capillare del territorio di tutta la Provincia e che ha permesso di “stanare” soggetti pericolosi, assicurandoli alla Giustizia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.