Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Isolabona, il musicista di fama internazionale Stefano Mhanna in concerto con Cristina Greco

Appuntamento domenica 31 luglio, alle ore 21.00, in piazza Martiri della Libertà

Isolabona. Domenica 31 luglio, alle ore 21.00, in piazza Martiri della Libertà il musicista di fama internazionale Stefano Mhanna terrà un concerto accompagnato da Cristina Greco. Un evento straordinario dove le particolarità musicali e virtuosistiche del violino si incontrerà a quelle dell’arpa.

Il programma

Arpa Sola
Enrique Granados: Oriental da “Spanish Danse”
Enrique Granados: Epilogo da “Escenas Romanticas”
Carlos Salzedo: Chanson dans la nuit

 

Violino solo
J. S. Bach: Largo dalla Sonata III, BWV 1005 N
Paganini: Nel Cor più non mi sento

 

Violino e arpa
M. Tournier: Due Preludi Romantici op.17 (Très lent -Allegro moderato) A. Piazzolla: Oblivion
N. Paganini: Introduzione e Sonata a movimento perpetuo N. Paganini: Carnevale di Venezia, J. S.
Bach: Aria dalla suite n° 3, C. Gounod: Ave Maria F. Chopin: Notturno in do#.

L’Aria dalla Suite n° 3 di Bach è uno dei pezzi più celebri della musica classica tanto da essere scelta come sigla di Superquark. Paganini è stato uno dei massimi compositori italiani, certamente il più virtuoso per il violino, peraltro nato a Genova. Il Carnevale di Venezia e l’Introduzione e movimento perpetuo mostrano i più svariati aspetti della tecnica violinistica. Poi una serie di pezzi celebri tra cui l’Ave Maria di Gounod composta sul preludio I del libro I del Clavicembalo ben temperato di Bach. Due momenti saranno dedicati a pezzi celebri che favoriscano l’ascolto della sola arpa e del solo violino.

Ingresso 15 euro

Stefano Mhanna

Violinista, violista, pianista, organista, compositore e direttore d’orchestra, nasce a Roma l’11 luglio 1995. Musicista di fama internazionale, concertista diplomato in quattro strumenti fra i più difficili esistenti.

Il primo diploma lo consegue in violino in soli quattro anni anziché dieci e a soli 11 anni con punteggio di 10 con lode e menzione speciale al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma (votazione mai raggiunta prima ad una così giovane età in tutta la storia del conservatorio romano). Gli altri tre diplomi li consegue a soli sedici anni, rispettivamente in viola, pianoforte e in organo e composizione organistica.

Esperto interprete ed esecutore, oltre che direttore e compositore di grande maturità e di alta capacità tecnica strumentale, unico al mondo con tale primato e di nazionalità italiana e con curriculum di tale pregio. È in possesso del Diploma di maturità scientifica.

È fondatore e direttore dell’orchestra “Novi Toni Comites”.

Vincitore di concorsi nazionali e internazionali e di numerosissimi premi e riconoscimenti, annovera tra questi una menzione d’onore da parte della Società Umanitaria di Milano, il Premio Rotary per la sezione archi, il Premio Alma Pales ricevuto da Roma Capitale assieme a Ennio Morricone e al Card.

Vicario Agostino Vallini “per aver contribuito con il suo lavoro a rendere grande il nome di Roma nel mondo”; riceve un premio dal Ministero degli Affari Esteri, il Premio Pressenda, quello Nuove Carriere del Cidim, il Premio Via Vittoria, il riconoscimento dal Governatorato Città del Vaticano consegnato dal Card. Bertello attuale Governatore, nella persona del Card. Lajolo, Governatore emerito, Assessorato della Cultura di Sorrento, Associazione Italiana degli Accordatori e dei Riparatori di Pianoforti, e molti altri.

Tra i riconoscimenti tributati dagli artisti, spicca Uto Ughi, il quale dopo aver sentito l’allora novenne Mhanna, affermò in una intervista rilasciata al tg1: “Questo bambino, devo dire, già dalle prime battute mi ha sbalordito, un talento assolutamente fenomenale, un ragazzino che è nato veramente per suonare, un talento unico”.

Ha riscosso per la prima volta, a soli dieci anni, un enorme successo per l’esecuzione del Concerto in re magg op. 35 di P.I. Tchaikowsky, con l’Orchestra del Conservatorio Santa Cecilia di Roma e per questo gli viene assegnato l’importante premio SIAE.

Da allora, ha poi calcato sempre più innumerevoli scene e via via con maggior classe, in un crescendo continuo nel tempo di successi seguiti dalle sue sempre più accresciute capacità tecniche strumentali e interpretative di più raro e grande inestimabile valore.

Ospite d’onore in diverse trasmissioni televisive e telegiornali delle reti RAI (Uno Mattina / In Famiglia / Ieri, Oggi e Domani / Telegiornali di Rai 1, 2 e 3, ecc.), Mediaset (Maurizio Costanzo) ed altre reti televisive private.Più volte menzionato dalla critica giornalistica su innumerevoli riviste specialistiche e sulla stampa nazionale ed estera per la sua strabiliante bravura e professionalità, ha raggiunto una notevole notorietà portando il nome dell’Italia in auge sullo scenario musicale mondiale.

Ha svolto una pregevole attività da direttore d’orchestra ed ha collaborato come solista con diverse orchestre italiane ed estere come l’Orchestra Filarmonica di Torino, quella di Bacau, diretta da Ovidiu Balan, la Grande Orchestra “Rachmaninov” diretta da Nicolai Rogotnev, l’Orchestra Filarmonia Veneta, la Kiev Chamber Orchestra ecc. Suona all’Accademia di Tirana in Albania e all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Si esibisce in diversi teatri come il Teatro Argentina di Roma, il Gran Teatro di Tor di Quinto in Roma, il Teatro Regio di Torino, il Teatro della Filarmonica di Trento, il Teatro Piccinni di Bari.

Ha tenuto e tiene concerti in prestigiose Basiliche di Roma, Bologna, Milano, Governatorato della Città del Vaticano e dal 2010 ricopre l’incarico di Organista ufficiale presso la Basilica del Sacro Cuore di Gesù a Castro Pretorio in Roma, ove tiene regolarmente concerti.

Dispone di un repertorio a dir poco comprensivo di una pregiata biblioteca musicale: composizioni per violino solo, per violino e orchestra, organo, viola, pianoforte ecc., ma parlare di repertorio sarebbe per lui superfluo viste le sue capacità e la velocità con cui ha approccio a qualsiasi tipo di partitura.
Richiesto nelle più importanti sedi, si esibisce anche in qualità di pianista, in varie città come Roma e Milano e il suo repertorio spazia da Mozart a Ravel.

Rinomato negli ambienti anche come prestigioso organista e riconosciuto ed apprezzato a livello mondiale, ha la rara capacità di trasmettere agli ascoltatori quel piacere profondo che lui stesso prova durante le sue esecuzioni suscitando grandi emozioni in tutti gli spettatori.

Importanti nella sua formazione organistica Domenico Morgante e Jiri Lecian. Dispone di un repertorio che comprende circa 40 concerti con l’orchestra, oltre 50 Sonate e pezzi con pianoforte e numerose composizioni per violino solo, ma parlare di repertorio sarebbe per lui superfluo viste le sue capacità e la velocità con cui ha approccio a qualsiasi tipo di partitura.

Noto negli ambienti anche come prestigioso organista e riconosciuto ed apprezzato al livello mondiale da numerosi ed insigni maestri e concertisti d’organo, esegue spesso i suoi concerti rigorosamente a memoria e con una maestria interpretativa e tecnica di alto livello, il più delle volte su organi di particolare prestigio, come Olgiati, Callido, Rieger, Tamburini, Mascioni, Zanin e vari altri.

È in possesso dell’Integrale di Bach e Franck, oltre che di una vasta letteratura organistica italiana e francese di autori vari.

Cristina Greco

Si è diplomata presso il Conservatorio “G. P. da Palestrina” di Cagliari in Arpa con il massimo dei voti e la lode sotto la guida della Prof.ssa Anna Maria Melis. Si è diplomata inoltre in Musica Corale e Direzione di Coro con il massimo dei voti, in Strumentazione per banda, in Composizione e in Direzione d’orchestra.

Si è perfezionata con Isabelle Perrin presso l’Ecole Normale de Musique “A. Cortot” di Parigi. Come prima arpa ha collaborato con l’orchestra della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari e con l’orchestra “Ente Concerti De Carolis” di Sassari.

Si è esibita in Italia, Francia, Belgio, Svizzera con diverse formazioni cameristiche, in particolare in duo con l’arpista Cécile Maudire e in duo con l’arpista Davide Burani.

Nel 2014, insieme a Davide Burani, ha tenuto una masterclass sul “Duo di arpe” per il Conservatorio “G. P. da Palestrina”.

Come direttore d’orchestra, a gennaio e febbraio 2016 è stata assistente alla direzione musicale al Teatro dell’Opera di Nizza per la produzione “Il barbiere di Siviglia” di G. Rossini; nel dicembre 2015 ha debuttato negli Stati Uniti dirigendo “Lo Schiaccianoci” di P.I. Tchaikovsky per la Jefferson Performing Arts Society di New Orleans. E’ docente di esercitazioni corali presso il Conservatorio di Valbonne Sophia-Antipolis (Francia).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.