Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Il Panathlon Club Imperia-Sanremo festeggia il centenario della Federazione Pugilistica Italiana

Alla cerimonia ha preso parte anche la campionessa mondiale 57 KG. Alessia Mesiano

Sanremo. Nella splendida cornice dello Yacht Club di Sanremo il Panathlon Club Imperia-Sanremo che ha ospitato per il convivio del mese di giugno la Federazione Pugilistica Italiana per i 100 anni dalla sua fondazione.

La prima riunione pugilistica, intesa in senso moderno, si svolse a Verona il 1 maggio 1909. Vero pioniere del pugilato italiano fu il genovese Pietro Boine, che il 10 luglio 1910 a Valenza Po divenne anche il primo campione dei massimi, sia pure per l’Alta Italia.

Boine nel 1912 fondò a Milano il “Club Pugilistico Nazionale”; nello stesso periodo a Roma veniva aperta dall’americano di colore James Rivers l'”Accademia Pugilistica”.

Attorno a questi due poli si sviluppò un moto di interesse che portò alla costituzione – con l’incoraggiamento della Federazione Atletica Italiana – della Federazione, avvenuta a Milano nel marzo 1916, in piena guerra: anche se alcune carte, non ufficiali, attribuiscano a tali Goldsmith e Lomazzi, sempre nel 1916 a Sanremo la fondazione della FPI.

Dopo l’introduzione del presidente del Comitato Regionale Ligure e del Responsabile provinciale della FPI, Sig.ri Mauro TIRAORO e Giorgio MANTOVANI che hanno intrattenuto i soci panathleti sulla origine della “nobile arte”, del presidente della Sanremo Boxe Riccardo ZUNINO che ha illustrato la prestigiosa manifestazione in corso di svolgimento presso il Teatro del Casinò di Sanremo (100 anni di boxe in Liguria -Dual Match Italia/Francia e Guanto d’Oro Femminile), ha preso la parola il commissario tecnico delle nazionali femminili Emanuele RENZINI che dopo un breve escursus sul movimento pugilistico in rosa ha presentato il prestigioso ospite della serata: Alessia MESIANO – agente delle Fiamme Oro di 24 anni nata a Latina, residente a Roma, che ha compiuto la straordinaria impresa di vincere la medaglia d’oro 57 Kg., ai mondiali di pugilato femminili conclusi ad Astana, la capitale del Kazakistan, nazione dove la boxe è tra gli sport più popolari.

Dopo aver battuto sul filo della preferenza in semifinale la russa Kuleshova, l’italiana affrontava in finale l’indiana Lather che nell’altra semifinale aveva liquidato la beniamina di casa Khojabekova.

Dopo un primo round di studio la “poliziotta” prendeva saldamente in mano le redini dell’incontro e si metteva al collo la medaglia d’oro affiancando dopo 11 anni di attesa quella di Simona Galassi.

Alla fine della piacevole serata scambio di regali: il presidente del club Angelo Masin omaggiava la campionessa mondiale Alessia Mesiano con il tradizionale crest e gli ospiti intervenuti con il libro “50 Anni di Panatlhon”, mentre il presidente regionale della FPI omaggiava il Panathlon Club Imperia-Sanremo con il libro “100 Anni della Federazione Pugilistica Italiana”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.