Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Il Distretto Florovivaistico a Roma per sostenere la detassazione delle attività verdi foto

Il comparto florovivaistico nazionale rappresenta circa 158.000 addetti nel comparto e 37.000 nella cura e manutenzione del paesaggio (Ateco/Istat)

Sanremo. Ieri il Presidente del Distretto Florovivaistico della Liguria Luca De Michelis ha partecipato a un incontro alla Camera a sostegno delle tre proposte di legge per la defiscalizzazione del verde privato, i cui obiettivi dichiarati sono: aumento dell’occupazione, emersione del sommerso, aumento del gettito fiscale, riconoscimento dell’intera filiera che parte dal progettista passa per il vivaista, l’impiantista e il giardiniere.

Una giornata importante, in cui si è anche appreso dell’approvazione al Senato del Collegato Agricoltura, che prevede tra le altre cose finalmente un riconoscimento giuridico dell’attività di manutentore del verde.

Il tema del Convegno, che si è tenuto nella sala Aldo Moro della Camera ieri 6 luglio 2016 alle 16,30, riguardava le proposte di Legge in materia di Misure di agevolazione fiscale per interventi di «sistemazione a verde» sulle quali sono intervenuti i firmatari delle tre proposte di Legge oggetto del convegno: On. Edoardo Fanucci, primo firmatario pdl Camera n.3800, Sen. Gianluca Susta, Commissione Finanze Senato, primo firmatario ddl Senato n.1896, On. Enrico Borghi, Commissione Ambiente Camera dei Deputati, firmatario pdl Camera n.3787.

Hanno inoltre partecipato all’incontro l’On. Enrico Zanetti, Vice Ministro Economia e Finanze; l’On. Ermete Realacci, Presidente Commissione Ambiente Camera dei Deputati; l’On. Maurizio Bernardo, presidente commissione Finanze; infine, il viceMinistro dell’Agricoltura Andrea Olivero.

Il comparto florovivaistico nazionale rappresenta circa 158.000 addetti nel comparto e 37.000 nella cura e manutenzione del paesaggio (Ateco/Istat). Con l’incentivazione di interventi di riqualificazione, recupero e realizzazione di aree verdi private si otterrebbero una serie di risultati positivi fra cui: aumento dell’occupazione, aumento del gettito fiscale, emersione del lavoro nero, aumento del valore immobiliare, riqualificazione ecologico ambientale delle aree edificate, diminuzione dell’isola di calore, miglioramento della qualità dell’aria e di conseguenza della qualità della vita.

Stime mostrano che l’incremento di fatturato per l’anno 2017 relativamente ai lavori straordinari di riqualificazione e manutenzione del verde ammonterebbe a circa 1,2 miliardi di euro; tale stima è stata elaborata incrociando e rapportando i dati del settore verde con quelli dell’edilizia posto che in media gli investimenti in opere a verde rispetto all’importo complessivo dell’opera edile si aggirano intorno al 4% del valore.

Numerosi studi e ricerche hanno dimostrato l’enorme impatto che gli spazi verdi esercitano sulla salute umana ed oltre a ciò, l’assorbimento delle polveri sottili e la mitigazione degli effetti indotti dai cambiamenti climatici attuali.

Il verde privato non è solo un elemento da apprezzare per il miglioramento estetico e paesaggistico, ma è anche e soprattutto un fattore di miglioramento della qualità della vita di ogni cittadino. Investire in una politica “green oriented” oggi potrà solo portare ricadute positive a livello nazionale sulla qualità della vita, sul lavoro, sul turismo, sul paesaggio, sulla cultura, sul valore degli immobili e sull’economia.

Hanno partecipato e promosso l’iniziativa: AIAPP, A.I.C.G., ANVE, ASPROFLOR, Comuni Fioriti, Assoiride, Associazione Florovivaisti Veneti, Associazione Vivaisti Italiani, Associazione Giardinieri Reggio e Modena, Associazione Nazionale Piante e Fiori D’italia, Associazione Parchi e Giardini D’italia, Assoflorolombardia, CIA, Civiitalia, Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato, Consorzio Fiori Tipici Lago Maggiore, Consorzio Florovivaistico Ambientale Jonico, Consorzio Toscana Produce, Coop Flora Pompei, Distretto Rurale Vivaistico Ornamentale Di Pistoia, Distretto Altolombardo, Distretto Plantaregina, Distretto Florovivaistico Della Sicilia, Distretto Florovivaistico Liguria, Flora Toscana, Florveneto, Umbraflor

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.