Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Grande distribuzione, M5S: “Suicidio socio-economico, ma parola finale ai comuni”

L'opinione di Alice Salvatore in Commissione Attività produttive della Regione Liguria

Liguria. “Con questo DDL Rixi e Toti aprono nuove praterie alla grande distribuzione, che annichilisce e uccide il prezioso commercio di prossimità, con danni incalcolabili in termini di occupazione, qualità della vita, desertificazione di interi quartieri. Un vero e proprio suicidio socio-economico”.

Lo dice Alice Salvatore, portavoce del MoVimento 5 Stelle in Commissione Attività produttive della Regione Liguria, a margine delle audizioni dei primi cittadini di Genova, La Spezia e decine di altri comuni liguri, oltre ai rappresentanti del commercio, sulle modifiche al Testo unico sul commercio.

“Oggi molti sindaci si stracciano le vesti a parole per difendere il piccolo commercio cittadino, ma la parola finale spetta a loro. Ci aspettiamo che agiscano di conseguenza – osservano i portavoce M5S Francesco Battistini e Andrea MelisNoi ci stiamo battendo e continueremo a farlo contro per cambiare profondamente questo DDL. Ma tocca ai sindaci far pesare le proprie competenze evitando di destinare nei PUC e nei PGR comunali ipermercati e centri commerciali o, quantomeno, frazionare le aree in modo tale da scongiurare insediamenti della grande distribuzione”.

“Se davvero i comuni volessero salvaguardare il proprio territorio, come ripetono a parole in quasi tutte le audizioni, potrebbero agire da subito sulle destinazioni d’uso pianificate dai loro piani regolatori e urbanistici – proseguono Melis e Battistini – Basta la volontà politica e la grande distribuzione potrebbe essere fermata domani mattina”.

Salvatore non risparmia una stoccata al Partito Democratico e al vicesindaco di Genova Stefano Bernini, che “grida all’incostituzionalità di questa proposta, poiché la Regione invade le competenze del Comune. Vero. Ma dietro tutta quest’indignazione, altro non c’è che l’apertura di Toti ad Esselunga in Liguria, a tutto svantaggio delle ‘care e vecchie’ Coop”.

“Insomma – conclude Salvatore – La solita “guerra” tra centrosinistra e centrodestra, che litigano solo quando si tratta di difendere gli interessi degli amici, lasciando cittadini e commercianti in balia delle logiche economiche di due élite che stritolano le piccole imprese in nome degli interessi di pochi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.