Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Donnedamare sulle barricate per le concessioni: “La breve proroga uccide il settore”

Impensabile per la categoria dei balneari una pianificazione degli investimenti con un periodo transitorio di 10-15 anni

Varazze. Donnedamare sulle barricate per le concessioni: “La breve proroga uccide il settore”. Non piace l’annuncio del governo sulla proroga di 10-15 anni per gli stabilimenti balneari per poi procedere con le aste con i paletti.

“Sebbene abbiamo giudicato importante e doveroso l’incontro romano di ieri – puntualizza Bettina Bolla, presidente di Donnedamare – perché la questione balneare va affrontata con costanza, come del resto sta già facendo la regione Liguria dal giugno scorso, con l’assessore Scajola in primissima linea, allo stesso tempo le linee guida cui sta lavorando il Governo sono deboli perché parlano di 10-15 anni al contrario dei 30 anni richiesti dalle associazioni di categoria prima delle aste e sembrano orientate ad annientare un settore che dà lavoro, crea occupazione e ricchezza, piuttosto che a salvarlo, come hanno fatto già altri paesi quali la spagna, prorogando di 75 anni le concessioni balneari”.

“E’ impensabile infatti ogni sorta di pianificazione degli investimenti con un periodo transitorio di 10-15 anni – continua Bolla – si rischia di far rimanere in stallo un intero settore per altri anni. Senza dare certezza di continuità alle imprese e ai concessionari tutti gli investimenti saranno ridotti e non potremmo più essere competitivi con gli altri paesi europei. Gli attuali concessionari balneari sono estranei alla Bolkestein, essendo concessionari di beni e non di servizi, come ha affermato anche lo stesso Bolkestein e come riportato sul sito del MEF in un articolo ripreso e pubblicato sul sito donnedamare.it”.

“Chiediamo al governo – conclude la presidente di Donnedamare – di tutelare il nostro diritto di esistere e di garantire il valore di aziende familiari che ci appartengono perché create attraverso le nostre intuizioni e attraverso il nostro lavoro. Spiagge che hanno visto negli anni investimenti di capitali ma anche di vita. Non ci resta che attendere la sentenza della Corte di Giustizia, peccato perché da cittadina italiana avrei voluto che la giustizia arrivasse dal nostro governo, che alla luce di quanto successo in Gran Bretagna, adesso avrebbe senza alcun dubbio la possibilità di chiedere maggiori garanzie per il nostro settore, proprio a quell’Unione Europea che oggi è in forte difficoltà e non si accorge di avere sbagliato qualcosa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.