Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Disoccupazione, Benifei (PD): “Diminuita meno che nel resto del Nord Italia: si deve cambiare marcia”

"È necessario migliorare l'implementazione della Garanzia Giovani e riproporre l'Iniziativa per l'occupazione giovanile contro la pesante disoccupazione degli under 30"

Liguria. “Sono passati due anni e mezzo dal lancio della Garanzia Giovani e dell’Iniziativa per l’occupazione giovanile; il Parlamento chiede ora alla Commissione di valutare il loro impatto nell’affrontare il problema e di impegnarsi a rinnovare ed estendere i finanziamenti per i prossimi anni, in vista della revisione del bilancio multiannuale dell’Unione Europea”: questa la dichiarazione dell’europarlamentare ligure del PD Brando Benifei, che durante la scorsa plenaria a Strasburgo si è fatto promotore un’interrogazione alla Commissione Europea con dibattito in aula, durante il quale ha ribadito il suo impegno a sostegno alle due misure per l’integrazione degli under 30 nel mercato del lavoro.

“La disoccupazione giovanile rimane una minaccia alla nostra coesione sociale” – ha sottolineato, ribadendo la necessità di capire lo stato di avanzamento delle due misure sui territori, fare chiarezza sui risultati ottenuti e sull’efficacia dei progetti e mettere a fuoco eventuali correttivi, soprattutto rispetto ai ritardi nei pagamenti e alle troppe inefficienze.

In particolare, in Liguria, le adesioni alla Garanzia Giovani sono oggi pari a 23.325 unità, l’1.9% del totale nazionale, con 12.044 presi in carico.

“In Italia si registrano numeri significativi – commenta l‘on. Benifei - sono tuttavia fortemente preoccupato per l’andamento nella nostra Regione, che sfortunatamente è fra le poche nel paese ad aver visto aumentare il tasso di disoccupazione fra la metà del 2015 e la metà del 2016, passando da 7,4% all’attuale 10,4%, quindi ben tre punti percentuali: un dato in controtendenza con il resto del paese e del continente.

Preoccupa, soprattutto, che il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 29 anni sia ancora a livelli inaccettabili, attestandosi al 26,3% nel 2015: una delle peggiori performance del Nord Italia, nonostante si sia registrato un calo rispetto al 32,9% del 2014″.

Fondamentale sarà il recepimento sul territorio delle opportunità garantite dalla UE: “Le Regioni – conclude Benifei – devono mostrarsi all’altezza di far funzionare programmi importanti come la Garanzia Giovani e l’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile, altrimenti rischiano di vanificare i nostri sforzi a livello europeo.

In Liguria, in particolare, credo che il presidente Toti abbia molto lavoro da fare su questo fronte, e i dati non incoraggianti sull’occupazione suonano come un preoccupante segnale d’allarme”.

Focus: La Garanzia Giovani in Italia: successi e criticità da migliorare

In Italia, gli ultimi dati sulla Garanzia Giovani evidenziano come gli iscritti al piano siano pari a 1.091.823 unità, con un totale di 721.331 giovani presi in carico da parte dei Servizi per l’Impiego. Di questi, a 354.405 è stata proposta almeno una misura.

Sono, tuttavia, evidenti alcuni limiti nell’implementazione della Garanzia Giovani, che vanno affrontati urgentemente per migliorarne l’efficacia e l’impatto; in particolare, l’Eurodeputato Benifei ha indicato nell’ambito dell’iniziativa parlamentare i punti su cui concentrare le azioni correttive: “C’è la necessità di un potenziamento della qualità delle offerte, della semplificazione delle procedure burocratiche, di tirocini migliori e più investimenti nei servizi per l’impiego; oltre a questo, è fondamentale migliorare la comunicazione sul programma per raggiungere più persone possibili, e più coinvolgimento dei movimenti giovanili e delle parti interessate”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.