Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Con Dulbecco, Sciandra e Ranise, anche Imperia tra i protagonisti del Salone del Libro di Montagna

Tanti gli imperiesi tra i promotori dell'evento e i partecipanti

Più informazioni su

Imperia. Anche Imperia nella terza edizione del Salone del Libro di Montagna in programma sabato 23 e domenica 24 luglio prossimo a Frabosa Sottana, in provincia di Cuneo.

Sono imperiesi un paio dei componenti dell’Associazione Valle Maudagna che organizza l’evento. E’ imperiese il presidente della stessa associazione: Gianni Dulbecco che è anche il Webmaster di www.frabosasottana.com e di www.salonelibromontagna.blogspot.it siti web che promuovono e seguono da vicino l’evento promosso mediaticamente anche attraverso la pagina facebook “Salone-Libro-Montagna-Frabosa”.

Tra i partecipanti, è di Imperia (anche se da tempo ha preso casa a Crissolo, alle pendici del Monviso) Stefano Sciandra, giornalista e alpinista che al “Salone”, sabato 23 luglio, alle ore 21, racconterà, anche attraverso l’ausilio di un filmato che lui stesso ha predisposto, “Un Sogno chiamato 4000″, la “cavalcata” lungo trenta “4000” che gli ha consentito di entrare a far parte del prestigioso “club”. Ma non solo. Sabato 23 Stefano Sciandra si trasformerà in anfitrione. Toccherà a lui presentare alla platea l’ospite d’onore della terza edizione del Salone del Libro di Montagna di Frabosa Sottana: Marco Barmasse, alpinista e guida alpina valdostana, appartenente ad una dinastia di scalatori e padre di Hervè, uno dei più famosi alpinisti a livello mondiale.

Non manca poi l’imperiese Adolfo Ranise, noto e apprezzato fotografo professionista che assieme a Valentina Galvagno proporrà nella “due giorni” del “salone” presso gli stand espositivi predisposti nel piazzale e all’interno dell’Albergo Italia, una mostra fotografica sulla Montagna.

Dal resto della Liguria invece, è genovese invece Alberto Verardo, presidente dell’Associazione San Biagio di Miroglio che da sempre collabora per la riuscita della manifestazione. Genovesi sono anche Silvia Leoncini (che da 25 anni vive però stabilmente a Frabosa Soprana) e che al “Salone”, oltre a presentare (sabato 23 alle 16) un libro: “La Guerra di Gianni”, terrà – lei che è anche una delle più rinomate food blogger italiane (gestisce il sito www.lamascaincucina.it ) – domenica 24 alle 18, una conferenza sulla gastronomia del territorio montano.

Ma genovesi sono anche altri due autori invitati a presentare le proprie opere al “Salone”: Andrea Parodi, laureato in geologia, alpinista, guida alpina e autore di numerose di guide di montagna molto apprezzate tra escursionisti e scalatori che presenterà il libro: Intorno al Monviso” e Paolo De Lorenzi che proporrà “Villaggi Fantasma”, libro scritto a “quattro mani” assieme a Christian Roccati e che attraverso immagini e resoconti consente di esplorare itinerari insoliti, alla scoperta di mulini, chiese e paesi abbandonati.

Ha studiato in Italia e negli States ed oggi insegna storia e filosofia al Liceo Peano-Pellico di Cuneo una delle savonesi presenti alla terza edizione del Salone del Libro di Montagna di Frabosa Sottana. Si tratta di Daniela Bernagozzi che domenica 24 presenterà nella sala conferenze dell’Albergo Italia due libri: “Hans Clemer in Valle Maira” e “Maté: vita solitaria e randagia del pittore Matteo Olivero”. Daniela Bernagozzi si occupa principalmente di storia contemporanea e di genere, oltre a collaborare con il settimanale La Guida e con l’Istituto Storico della Resistenza di Cuneo.
E’ nata a Genova, ma vive a Celle Ligure con suo marito, i loro bambini e due cani, Sarah Cogni che lavora da vent’anni come insegnante di Scuola dell’Infanzia. A Frabosa Sottana Sarah Cogni presenterà, domenica 24 il suo ultimo lavoro: “La signora dei gabbiani”.

La terza edizione del Salone del Libro di Montagna di Frabosa Sottana proporrà quest’anno anche due importanti convegni. Sabato 23, alle 10,30, nell’ambito di un incontro promosso dall’Uncem Piemonte, si parlerà della “Rinascita dei borghi alpini”, mentre domenica 24 alle 11, assieme ai responsabili dell’Uisp Piemonte e di note personalità del cuneese si andrà alla riscoperta dei sentieri partigiani. Si parlerà anche del recupero della borgata Paraloup nel comune di Rittana in valle Stura e dell’Ecomuseo di Codirosso in borgata Grossa di Lemma, nel comune di Rossana.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.