Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Chiude il Baraonda di Sanremo, pioggia di lettere di protesta dei genitori foto

Più informazioni su

Sanremo. La scadenza del contratto Comune-Curia per il Centro di aggregazioni giovane “Baraonda” di Sanremo preoccupa i genitori che hanno scritto lettere e email a pioggia ai medi. Tutti preoccupati per la mancanza di dichiarazioni e protocolli di garanzia sulla prosecuzione del servizio e del mantenimento di un presidio sociale per giovani a Baragallo-Sanremo.

Ecco alcune lettere dei genitori dei ragazzi. “Io sono la mamma di un ragazzo di 11 anni che ha frequentato il centro Baraonda a Baragallo da settembre dell’anno scorso fino alla chiusura stagionale di questo anno…. Già dal primo giorno mio figlio si è trovato benissimo… Accolto da tutti i componenti del Baraonda e dai responsabili….. I primi tempi andava per passare i pomeriggi in compagnia ma poi si portava con lui i compiti e tornava a casa con i compiti fatti!!! Noi genitori siamo sempre stati tranquilli e fiduciosi…. Abbiamo conosciuto e avuto l’occasione di parlare di mio figlio con i responsabili per il suo comportamento e per aiutarlo a capire come crescere insieme agli altri…. È un posto tranquillo e divertente per i ragazzi e per di più noi genitori sappiamo che il nostro figlio è in un ambiente pulito e sicuro”, scrive Severina.

“Il Baraonda è stato per noi una scoperta recente che però ha saputo cambiare sapore ai lunghi pomeriggi invernali. E’ il luogo che mio figlio ha eletto come il suo posto speciale, quello dove incontra ragazzi come lui, dove può giocare in totale sicurezza, dove può studiare coadiuvato dagli educatori e dove l’accoppiata divano-playstation è diventata solo un ricordo… E’ al Baraonda che mio figlio ha imparato a condividere quotidianamente uno spazio extra-familiare e a rispettarlo; lì ha conosciuto ragazzi portatori handicap con cui si è relazionato, comprendendo che in fondo non esistono differenze o barriere e che chiunque può trasmettere a suo modo gioia e insegnamento. In primavera ha spesso rinunciato agli allenamenti con la società sportiva che frequenta da 4 anni per essere presente al torneo di calcio organizzato dai centri di aggregazione della provincia. E’ con questi ragazzi “di quartiere” che si è sentito realmente importante: senza una maglia più o meno “blasonata” addosso, ma, forse per la prima volta, davvero parte di un gruppo dove tutti, e vorrei che fosse chiaro, tutti hanno partecipato con la consapevolezza di essere unici e, al tempo stesso, vera squadra. Il merito va agli operatori che sono riusciti a creare una straordinaria coesione fra i nostri figli; giovani magari diversi tra loro, ma con in comune la voglia di crescere, condividendo esperienze semplici e importantissime. Il Baraonda ha nei suoi educatori un riferimento educativo fondamentale per i nostri figli: un riferimento necessariamente diverso da quello genitoriale, ma non per questo meno essenziale per la loro formazione. Mi preme sottolineare come alcuni valori e sani principi passino, come una corrente, tra gli operatori e i ragazzini che li prendono a modello: i nostri figli li ascoltano e con fiducia si lasciano guidare verso la positività che viene loro trasmessa. Faccio un appello di cuore al nostro primo cittadino, all’amministrazione sanremese e a Monsignor Suetta perché guardino a questo presidio educativo con grande rispetto e attenzione. Se Baraonda chiude, chiuderà anche una parte sana e vitale di questa città e non so se nel nostro territorio esistano realtà altrettanto ben inserite nel tessuto sociale e così fortemente volute dagli abitanti del quartiere. Se Baraonda chiude si chiuderà anche il grande impegno degli operatori, il loro sorriso pulito, uguale a quello dei tanti ragazzi che nel centro hanno trovato un luogo dove arricchirsi e, insieme, provare a diventare finalmente grandi”, scrive Raffaella.

Così scrive Doris: “Sono la mamma di un ragazzo  che ormai da parecchi anni frequenta il Baraonda,un ragazzo ormai diciottenne, con la testa sulle spalle, bravo a scuola, responsabile, senza problemi familiari, sereno, positivo ed altruista.Non faccio questa adulazione per un attacco improvviso di “super mammite” o presunzione,ma mi sento di fare questa distinzione perché molti pensano che il centro sia per ragazzi disagiati,con problemi, ragazzi “scomodi”.Questo luogo d’incontro (centro non mi piace) ha dato la possibilità a mio figlio di sentirsi responsabile verso ragazzi più piccoli o meno fortunati, impegnando il suo tempo libero con i suoi amici, anziché in “piazzetta”in questo luogo ,dove era impegnato verso gli altri o verso attività che lo hanno arricchito e fatto crescere, una crescita verso una consapevolezza che per far migliore questo mondo,bisogna darsi da fare e non solo lamentarsi o passare i pomeriggi a tirar la palla, a scorrazzare su e giù nella piazzetta con i motorini. Darsi da fare anche se si riceve poco senza guardare solo al profitto economico.Io sono nata e cresciuta in Baragallo, ho scelto di venirci a vivere con i miei figli perché amo questo quartiere, dove i ragazzi possono girare ed incontrarsi senza i pericoli che vi sono di chi vive in centro. È un quartiere però dove compiuti i 13/14 anni vieni” abbandonato” perché non vi é nulla (gruppi,associazioni ecc): ecco perché ha un senso in questo quartiere,ecco perché ha un senso il Baraonda”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.