Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Bordighera, chiama i soccorsi per infarto del marito e poi non apre la porta al 118 perché non si fida

E' successo intorno alle 18. Protagonista una coppia di milanesi in vacanza

Bordighera. Un equipaggio di Ponente Emergenza e l’automedica del 118 a sirene spiegate raggiungono un appartamento di via Piave dopo aver ricevuto una chiamata allarmante: “Venite, presto, mio marito sta male”.
E così, in una manciata di minuti, i soccorritori sono sul posto e suonano il campanello dell’abitazione in cui si dovrebbe trovare, stando ai sintomi segnalati, un uomo colto da infarto.

A rispondere è la moglie che però non apre la porta perché non si fida: “Siamo dell’ambulanza, ci apra”, dicono i soccorritori. “Ma siete davvero sicuri?”, risponde la donna, una milanese in vacanza insieme al marito.
I minuti passano e la turista non apre. Inutile il tentativo dei soccorritori di dissuaderla. Alla fine, per evitare di aprire a perfetti sconosciuti, la donna decide: “Prima di aprire, vengo dal balcone a vedere se siete veramente quelli dell’ambulanza”.

Fortuna vuole che il marito della “fifona”, un 43enne, non era stato colpito da infarto: altrimenti ci avrebbe rimesso la pelle visto il ritardo nei soccorsi. Ritardo dovuto, in questo caso, alla reticenza della consorte ad aprire a degli sconosciuti.
L’uomo è stato portato in codice giallo di media gravità al pronto soccorso dell’ospedale Borea di Sanremo, dove ha ricevuto le cure del caso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.