Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

A Euro 2016 la sfida Italia-Germania e Imperia ricorda Gerd Muller

I tornei estivi sul campetto dei Giuseppini con il Torpedo del Bayern e domani sera la storia si ripete

Imperia. Le immagini sono infilate nei cassetti di qualche imperiese già nonno da un pezzo, ma anche negli album dei ricordi della chiesa e delle associazioni sportive locali perché sono storiche e da conservare con cura. Italia-Germania, d’estate, era una sfida classica al campetto dei frati Giuseppini a Porto Maurizio e non erano i soliti match tra scapoli e ammogliati. In campo c’erano le glorie della mitica Imperia degli anni ’70, ma c’era anche Gerard Muller, meglio conosciuto come Gerd “Il torpedo”. Il campione del mondo con la sua Nazionale nel 1974, l’allora Germania Ovest, d’estate frequentava con la famiglia la Riviera. Si spostava tra Alassio e Sanremo, nella cosiddetta “Blumen Riviera”. Erano gli anni d’oro per il turismo.

Alle passeggiate sul lungomare della Baia del Sole con la moglie e gli amici preferiva le partite di calcio dopo l’ora di cena. Mitico fu lo scontro diretto tra Roberto Rosato e Gerd sulla spiaggia di Alassio (fotografati da Silvio Fasano) di ritorno da quell’epico Messico 1970 (la partita del secolo) allo stadio Azteca tra le Nazionali di Italia e Germania Ovest finita 4 a 3. Un match seguito da 103 mila spettatori con umidità altissima, temperatura percepita sul campo di 50 gradi e giocato alle quattro del pomeriggio locali. Qualche settimana dopo stessa storia sulla spiaggia alassina: un pallone e due campioni che si sfidano Rosato e Gerd. Fotografie e autografi tra i bagnanti, strette di mano e pacche sulle spalle tra i due giocatori, e qualche brutto rospo ancora da buttare giù per Gerd per quella partita finita male.

E domani la storia si ripete. Altro scenario. Non più lo stadio Atzeca, ma a Bordeaux. Non ci saranno più Gerd Muller o Beckenbauer, né Riva e né Rivera, ma Pellé, Giaccherini, Ozil e Gomez. Sarà il 34esimo confronto tra le due Nazionali: non abbiamo mai perso contro i tedeschi in match ufficiali.  I bar come i ristoranti di Imperia alle 21 in punto saranno stracolmi di tifosi azzurri. Quelli con i capelli grigi riavvolgeranno il nastro e si ricorderanno di Gerd che giocava ai Giuseppini. La sua è una storia da incorniciare proprio perché vedere una leggenda del calcio giocare in un campetto di Imperia non è da tutti i giorni. Per  il “Torpedo” del Bayern però sono iniziati anche gravi problemi di salute. Il club bavarese, proprio l’autunno scorso, ha annunciato che il grande attaccante tedesco è affetto dal morbo di Alzheimer.

La malattia sta costringendo ormai da mesi il 69enne ex campione tedesco, autentica leggenda del Bayern e della Nazionale, a vivere in una clinica.  La stampa e l’opinione pubblica hanno sempre protetto l’ex giocatore in questa difficile situazione rispettando la sua privacy.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.