Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Regione, nasce l’Azienda Ligure Sanitaria. Viale: “Gettate le fondamenta per il modello Liguria”

"Una unica governance alle cinque Asl che saranno mantenute perché affrontino i problemi delle comunità"

Regione. “Abbiamo rispettato il cronoprogramma che ci eravamo posti con l’avvio del percorso del Libro Bianco lo scorso 15 febbraio, anche con un po’ di anticipo”. Lo ha dichiarato la vicepresidente e assessore regionale alla salute Sonia Viale durante la presentazione della proposta di legge di istituzione di A.Li.Sa, l’Azienda Ligure Sanitaria Regione Liguria, e degli indirizzi per il riordino del sistema sanitario regionale, approvata dalla giunta regionale ai primi di giugno.

“Abbiamo approvato la prima parte della riforma sanitaria e sociosanitaria – ha spiegato la vicepresidente Viale – con il varo del testo sulla governance, una delle criticità maggiori che abbiamo riscontrato in questi tre mesi di incontri sul territorio dove ogni Asl operava come una repubblica a sé, senza un’effettiva azione che potesse dare medesime procedure, evitare sprechi, fornire omogenee risposte ai bisogni dei cittadini”.

Con la creazione di Alisa, in cui confluirà Ars e che sarà pienamente operativa dal primo di ottobre, diamo una governance unica a tutte le cinque Asl che saranno mantenute perché è importante che il territorio ligure abbia comunque la possibilità di affrontare i problemi delle comunità con articolazioni più vicini ai cittadini, potenziando il rapporto ospedale-territorio nell’ottica dell’integrazione dei servizi sociosanitari”.

Alisa avrà un proprio direttore generale, un direttore sanitario ma nella prima fase avrà un commissario. Il compito della nuova Azienda sarà di migliorare la qualità delle prestazioni attraverso l’appropriatezza per generare migliore assistenza ai cittadini con una risposta pertinente, eliminando gli sprechi e recuperando la motivazione degli operatori.

I prossimi step che porteranno al completamento della riforma sanitaria e sociosanitaria sono: l’approvazione di Alisa e degli indirizzi di riordino del sistema sociosanitario regionale entro agosto in consiglio. Subito dopo la giunta approverà il testo unico della riforma sanitaria che riguarderà oltre al riordino delle leggi in materia, la riorganizzazione dei distretti sociosanitari, l’integrazione ospedale territorio nelle Asl e la modifica delle procedure di controllo e accreditamento. Da settembre, quindi, inizierà la discussione della seconda parte della riforma.

Tra gli obiettivi della riforma, attraverso il nuovo strumento di governance regionale rappresentato da Alisa, ci sono il raggiungimento di omogeneità organizzativa del sistema sociosanitario con indirizzi comuni a tutte le Asl su: procedure, protocolli, standard assistenziali, operativi e organizzativi.

Alisa consentirà di programmare le azioni in modo coerente su tutto il territorio, allocare risorse sulle reali esigenze epidemiologiche e demografiche dei cittadini, fare contratti con eventuali erogatori privati, attivare un efficiente sistema di controlli ed effettuare accreditamenti con maggiori standard qualitativi, stabilire rapporti coerenti con tutti i soggetti (medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, farmacie e associazioni), definire i rapporti e convenzioni con Irccs e Aziende ospedaliere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.